martedì 21 luglio 2015

Vacanze e relativi interrogativi da mamma

Vacanze al mare e interrogativi da mamma dalle mille e una domande (leggi paranoica)


Siamo partiti per le vacanze felici di stare tutti insieme due settimane, felici di scoprire un posto nuovo in una terra che già amiamo. Di riaddentare qualche fantastico cannolo siciliano e rinfrescarci con una granita al limone (mannaggia alla gola!). Di dimenticare l'afa cittadina e perdersi in quel cielo azzurrissimo, avendo la certezza di aprire gli occhi ogni mattina e trovare una splendida giornata. 

Qualche interrogativo su come si sarebbe comportata Beatrice ce l'avevo, da vera madre dalle mille e una domande: le piacerà ancora il mare? Come dormirà lontana da casa sua?

La nanna è uno dei temi più dibattuti a casa nostra. Dorme molto, ma prima di abbandonarsi al sonno ci impiega parecchio tempo. Diciamo che ha sempre qualcosa di meglio da fare!
Ebbene, ancora una volta la mia bimba mi ha stupito: già a partire dalla prima notte in nave non ha avuto alcun problema, così come il primo pisolino pomeridiano in spiaggia e le notti nella casa sconosciuta del mare. Anzi, ha sempre riposato molto meglio che non a casa. Come se fosse un'abitudine, come se non fosse passato quasi 1 anno dall'ultima volta. 

Il mare la stancava molto e le metteva anche una gran fame! Ogni momento era buono per uno spuntino: l'ha capito anche lei che in Sicilia si mangia molto più che bene! D'altronde, la volta precedente che ci siamo stati aveva appena 15 mesi e si mangiava gli arancini al nero di seppia. Tutto detto. 

E il mare? Lo adora. Ci entrava direttamente non appena arrivavamo in spiaggia. Ha preso subito confidenza. Saltava, entrava ed usciva autonomamente e, l'ultimo giorno, si sdraiava e batteva i piedi. Uno spettacolo! 
Non amava, invece, avere mani e piedini sporchi di sabbia, andava a lavarseli in continuazione! E non sopportava il costumino bagnato. Ha risolto togliendoselo e mostrando le sue grazie al mondo. Che bello essere bambini.

Vacanza promossa, dunque. Non voleva nemmeno più tornare a casa. 
Come sempre noi mamme riusciamo a farci problemi per nulla. I bambini hanno una grande capacità di adattamento, a maggior ragione se si tratta di una situazione in cui stanno bene, come una vacanza con i genitori. Riuscirò a farne tesoro per il prossimo viaggio? Ovviamente no. Abbiamo, infatti, in serbo un altro round al mare, questa volta più vicino e senza papà ma con una cara amica e il suo bimbo. E, dunque, sono già qui che mi chiedo: sopravviveremo con due nani di due anni senza nessun papà? Vi farò sapere. 

Stay tuned!

4 commenti:

  1. Sopravviverai, ma non solo, ve la caverete alla grande!!hai ragione, i bimbi sanno adattarsi... siamo noi adulti quelli meno flessibili. Buona seconda vacanza!! :-)

    RispondiElimina
  2. Hai ragione, crescendo si perde parecchia flessibilità! Credo che il territorio neutro ci aiuterà. :)

    RispondiElimina
  3. I bambini hanno le antennine e capiscono tutto, anche quando le mamme hanno bisogno di aiuto e ci stupiscono sempre!
    Che bello leggere della vostra vacanza in una mattina di caldo torrido,per un po' mi è parso di essere al fresco!

    RispondiElimina
  4. Mi fa piacere averti dato un po' di sollievo.. Effettivamente fa un caldo incredibile ! Grazie per essere passata da queste parti! :)

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...